Vai al contenuto
Home » Blog » SAN BONIFACIO, VERONA. IERI LO SCIOPERO DI LAVORATORI E LAVORATRICI DI CUP E CASSE DI ULSS 9 E AOUI

SAN BONIFACIO, VERONA. IERI LO SCIOPERO DI LAVORATORI E LAVORATRICI DI CUP E CASSE DI ULSS 9 E AOUI

SAN BONIFACIO, VERONA. IERI LO SCIOPERO DI LAVORATORI E LAVORATRICI DI CUP E CASSE DI ULSS 9 E AOUI

Presidio davanti all’ospedale di San Bonifacio organizzato da Filcams Cgil e Fisascat Cisl, che stanno valutando anche una denuncia per attività anti-sindacale

Nella mattinata di ieri, 22 aprile, si è tenuto davanti all’Ospedale Fracastoro di San Bonifacio (VR) il presidio di lavoratrici e lavoratori della Cooperativa Morelli nell’ambito di uno sciopero indetto da Filcams Verona e Fisascat Cisl Verona per protestare il cambio appalto che avrebbe violato il principio dell’invarianza della retribuzione individuale.

La Cooperativa, subentrata nel gennaio 2023, avrebbe proceduto all’unificazione dei contratti di lavoro, passando da un sistema misto (cooperative sociali e multiservizi) ad un sistema dove è presente soltanto il contratto multiservizi, senza tuttavia armonizzare i livelli delle retribuzioni. Ne consegue che molti delle circa 250 lavoratrici e lavoratori della Cooperativa Morelli accusano un peggioramento nella retribuzione lorda annua.

Ma non è tutto. Sul tavolo ci sono anche rivendicazioni riguardanti l’organizzazione e i tempi di lavoro, il rispetto del contratto nazionale di lavoro, i diritti sindacali di informazione per i quali si sta valutando una denuncia per attività anti-sindacale.

«Il muro alzato dalla cooperativa ci costringe a seguire la strada del ricorso giudiziario con le conseguenze implicate dai tempi lunghi della giustizia. Noi chiediamo soltanto di poter parlare con la Cooperativa per restituire giustizia salariale e rispetto dei contratti a queste lavoratrici e a questi lavoratori. Per questo sollecitiamo oltre all’azienda anche la committenza rappresentata da Ulss e Aoui», hanno dichiarato Marta Cordioli di Filcams Cgil Verona ed Elisabetta Gallina di Fisascat Cisl Verona.

L’appalto ottenuto da Morelli è biennale, con scadenza prevista a gennaio 2025. In totale i lavoratori in appalto dell’Ulss 9 e dell’Aoui Verona in questo settore sono circa 330 sul territorio veronese. Si trovano non solo nei cup e agli sportelli casse ma anche nelle radiologie, nei day-care e negli uffici amministrativi.