Vai al contenuto
Home » Blog » 19 MARZO: FONICI, TRASCRITTORI E STENOTIPISTI FORENSI IN SCIOPERO

19 MARZO: FONICI, TRASCRITTORI E STENOTIPISTI FORENSI IN SCIOPERO

19 MARZO: FONICI, TRASCRITTORI E STENOTIPISTI FORENSI IN SCIOPERO

Il 19 marzo sono tornati in piazza migliaia di Fonici, Trascrittori e Stenotipisti forensi impiegati nel servizio di documentazione degli atti processuali al Ministero della Giustizia. La protesta, che segue la giornata di mobilitazione nazionale del 18 gennaio e la settimana di presidi organizzati in tutta Italia dal 19 al 25 febbraio scorso, è stata nuovamente indetta dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti “alla luce del grave silenzio” da parte del titolare del dicastero, il Ministro Carlo Nordio, e in seguito al mancato riscontro alla ennesima richiesta di attivazione di un tavolo permanente di confronto sindacale, sollecitato a più riprese, utile ad affrontare le incertezze sul mantenimento dei livelli occupazionali e salariali attualmente presenti nell’appalto in scadenza.

In Veneto, il presidio si è tenuto davanti al Tribunale di Venezia, dove si sono riunite le delegazioni di Filcams Cgil Vicenza e Filcams Cgil Venezia, chiedendo: il superamento della confusione e le incertezze legate all’attuazione della Riforma Cartabia; la formalizzazione delle garanzie circa il mantenimento dei livelli occupazionali e salariali attuali; la concretizzazione della prospettiva dell’assorbimento di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori dell’appalto, attraverso il formale avvio della procedura di internalizzazione; l’apertura di un tavolo permanente presso il Ministero per la contrattazione su criteri e modalità di assorbimento e sulla formazione da rivolgere a tutti gli addetti e le addette.