Vai al contenuto
Home » Blog » COORDINAMENTO COMMERCIO (SETTORE MODA) DI FILCAMS CGIL VENETO E FILCAMS CGIL FVG

COORDINAMENTO COMMERCIO (SETTORE MODA) DI FILCAMS CGIL VENETO E FILCAMS CGIL FVG

COORDINAMENTO COMMERCIO (SETTORE MODA) DI FILCAMS CGIL VENETO E FILCAMS CGIL FVG

Il 28 novembre 2023 Filcams Cgil Veneto e Filcams Cgil Friuli-Venezia Giulia hanno chiamato a raccolta segretari territoriali, delegati e funzionari per il previsto Coordinamento regionale del commercio (settore moda).

Tra i temi discussi, precarietà e finti contratti a chiamata; mancanza di formazione aziendale nelle figure apicali; applicazione incoerente dell’integrativo; stress, fragilità e rischi psicosociali.

A chiusura dell’incontro, Cecilia de’Pantz (Segretaria generale Filcams Veneto) ha commentato: “Dobbiamo puntare sulla formazione. È importante che delegati e delegate nei diversi punti vendita abbiamo la possibilità di formarsi nel sindacato, per rispondere alle necessità dei lavoratori in maniera puntuale. Mostrandosi preparati e preparate saranno in grado di coinvolgere maggiormente i lavoratori e tracciare un effettivo percorso verso una contrattazione migliorativa.”

Marika Baio (Segretaria generale Filcams Fvg) le ha fatto eco: “I diritti che non si conoscono sono diritti che non esistono. La formazione in sinergia, per delegati e delegate in Veneto e Friuli Venezia Giulia, è senza dubbio una risorsa preziosa, che vogliamo sostenere attivamente.”
 

Presente all’incontro anche Vanessa Caccerini, della Filcams Cgil Nazionale: “Sentire il bisogno di formazione è positivo, ma non deve essere mai una scusante. Sapere tutto non è possibile, ma questo non deve spaventarci. Quel che è importante è frequentare le camere del lavoro e attivarsi quando si percepisce che qualcosa non funziona sui luoghi di lavoro; collettivamente, assieme ai colleghi, si potranno poi trovare le argomentazioni sindacali utili alle trattative. Per il resto, come Filcams Nazionale abbiamo messo in campo formazione nel settore moda e tra pochi mesi riproporremo altri moduli. L’invito a Roma è naturalmente aperto a tuttə!”